La corretta pratica sciistica: le eleganti curve a sci paralleli

Pronti, partenza… via con la curva a sci paralleli!

Dopo lo spazzaneve, si prospetta una nuova sfida per i principianti: la curva a sci paralleli. Diversamente dallo spazzaneve, in questo caso gli sci vengono tenuti in posizione parallela mentre si scia. Questo permette di scivolare sulle piste in maniera più elegante e veloce, rispetto alla tecnica dello spazzaneve.

Gli esperti del Team di CheckYeti sono qui per spiegarti come effettuare al meglio il passaggio allo sci parallelo, cosa tenere a mente e come apprendere una curva parallela.

Dallo spazzaneve alla curva a sci paralleli

Un istruttore di sci spiega all’allievo come effettuare una curva a sci paralleli.
Durante una lezione di sci, l’istruttore spiega passo a passo come effettuare una curva a sci paralleli

Il primo passo per imparare a sciare è apprendere lo spazzaneve. Una volta padroneggiata la tecnica, si può passare allo step successivo: la curva a sci paralleli, una tecnica più dinamica e meno faticosa. In questo caso, infatti, gli sci sono costantemente tenuti in posizione parallela, permettendo quindi un incremento della velocità.

Essendo la curva a sci paralleli una tecnica più avanzata, è consigliabile prendere lezioni da un istruttore qualificato. Le lezioni individuali solitamente sono quelle che hanno maggior successo, in quanto l’istruttore può valutare il livello reale dello sciatore e creare appositi esercizi per migliorarne la tecnica.

Come indicato in precedenza, la curva a sci paralleli comporta anche un incremento della velocità. Per questo motivo, molti principianti non passano direttamente dallo spazzaneve alla curva a sci paralleli, ma apprendono la tecnica attraverso passaggi intermedi.

Un ottimo modo per fare pratica è quello di scendere verso la valle lateralmente, mantenendo gli sci in posizione parallela e completando le curve con la tecnica dello spazzaneve. L’ampiezza del raggio dello spazzaneve può essere gradualmente diminuita fino a portare gli sci in posizione parallela. Ovviamente è consigliabile fare pratica di queste prime tecniche di base a velocità ridotta, su pendii più dolci. Con la pratica, si può, in seguito, aumentare la velocità e provare piste un po’ più impegnative.

Questo esercizio può essere ripetuto fino a quando non si acquista una certa sicurezza nell’effettuare una curva a sci paralleli.

La tecnica corretta

Due sciatori danno dimostrazione di come si effettuano le curve a sci paralleli.
Inclinare correttamente gli sci è un passaggio fondamentale nelle curve a sci paralleli

Diversamente dallo spazzaneve, per effettuare una curva a sci paralleli, gli sci vanno mantenuti, come suggerisce il nome, in posizione parallela tra loro. Le gambe dello sciatore sono leggermente distanziate tra loro, per assicurare sufficiente mobilità. Al fine di ottenere una postura stabile ed assorbire senza problemi i possibili dossi presenti sulla pista, è importante mantenere le ginocchia, il bacino e le caviglie leggermente piegate.

Per intraprendere una curva a sci paralleli, lo sciatore inclina gli sci verso la valle: si allenta la pressione sui bordi degli sci, andando a ridurre l’angolo di inclinazione tra la pista e gli sci stessi, e permettendo così agli sci di scivolare verso la valle.
Lo sciatore, quindi, sposta il peso corporeo sullo sci a valle e le ginocchia vengono spinte verso la montagna. Così facendo gli sci ruoteranno nella direzione desiderata e la curva è fatta. È importante che entrambi gli sci, sempre in posizione parallela, si muovano all’unisono durante la curva.

Migliori saranno i movimenti, più fluida sarà la curva a sci paralleli. Una volta perfezionata la tecnica, i movimenti saranno talmente disinvolti che renderanno difficile distinguere dove finisce una curva e dove comincia l’altra.

Come utilizzare accuratamente le racchette da sci

L’istruttrice Ingrid Salvenmoser dimostra come utilizzare le racchette da sci quando si esegue una curva a sci paralleli.
Le racchette da sci aiutano a mantenere il ritmo e l’equilibrio in pista

Un corretto utilizzo delle racchette da sci può certamente aiutare ad effettuare correttamente una curva a sci paralleli. Le racchette, infatti, aiutano a mantenere il ritmo dello sciatore mentre effettua una curva e, al contempo, aiutano a mantenere l’equilibrio. Per questi motivi l’uso appropriato delle racchette da sci viene insegnato solo a questi livelli, durante le lezioni di sci.

Il momento adatto per utilizzare le racchette da sci durante l’esecuzione di una curva a sci paralleli è all’inizio della curva stessa. Ad ogni inclinazione degli sci prima di una curva, entra in gioco la racchetta rivolta a valle. Gli sci, praticamente, ruotano quasi attorno alla racchetta. Importante: quando si utilizzano le racchette da sci, non è necessario infilzarle nella neve! È sufficiente toccare leggermente il terreno con la punta.

La pratica è fondamentale

Attraverso alcuni semplici esercizi preliminari, sarà semplice per gli sciatori abituarsi ai movimenti delle curve a sci paralleli.

Scivolare lateralmente

Un buon metodo per praticare l’inclinazione degli sci è scivolare lateralmente. Questo esercizio è ideale per acquisire la sensibilità per i bordi degli sci. La posizione di partenza dello sciatore è parallela al pendio, con le ginocchia piegate verso la montagna. Spingendo le ginocchia verso la valle, i bordi degli sci si staccano dalla neve, permettendo allo sciatore di scivolare per il pendio, lateralmente. Per fermarsi, basta tornare alla posizione di partenza, spingendo le ginocchia nuovamente verso la montagna.

La “Ghirlanda”

Un altro esercizio utile per far pratica con l’inclinazione degli sci è la “Ghirlanda”. Si comincia scivolando lungo la pista, mantenendo gli sci paralleli fra loro. Gli sci vengono poi inclinati: mentre le ginocchia spingono verso la pista e si esercita pressione sui bordi degli sci, ottenendo quindi l’inclinazione. La pressione viene poi rilasciata, lasciando gli sci scivolare di nuovo. Spingendo le ginocchia nuovamente verso la montagna, gli sci effettueranno automaticamente una curva verso la pista. Per verificare se l’esercizio è stato eseguito correttamente, basta controllare le tracce lasciate sulla neve: dovrebbero assomigliare ad una ghirlanda.

Imparare ad assumere una postura corretta

Per poter eseguire correttamente una curva a sci paralleli, una corretta postura è fondamentale. Un ottimo esercizio per praticare la postura della parte superiore del corpo è quello di tenere in mano entrambe le racchette da sci, orizzontalmente, e cercare di tenerle parallele alla pista in ogni momento. Per migliorare il trasferimento di peso da uno sci all’altro, si può sciare su uno sci alla volta. La pressione è sullo sci rivolto a valle, mentre l’altro viene leggermente sollevato dal terreno.

 

Nata e cresciuta tra il Mar Adriatico e le Dolomiti, la mia prima vacanza sulla neve è stata a 5 anni: dal bob sono passata agli sci, dal nastro trasportatore alla seggiovia. Le piste sono diventate la mia seconda casa.