La corretta pratica sciistica: i migliori esercizi per sciatori di livello avanzato

Lo sci non è nulla di nuovo per voi? Siete già sciatori avanzati e siete in cerca di una dose extra di divertimento e nuove avventure? Qui imparerete come migliorare ulteriormente la vostra esperienza sciistica. Il team di esperti di CheckYeti ha raccolto i migliori consigli ed esercizi che permetteranno a ogni sciatore di livello avanzato di perfezionare la sua tecnica sciistica, di padroneggiare ogni discesa in sicurezza e di scoprire qualcosa di nuovo.

  • Carving: la tecnica sciistica dei professionisti

    Riuscire a restare sui bordi degli sci nelle curve trasforma uno sciatore amatoriale in un vero professionista delle piste. La popolare disciplina sciistica del carving richiede una tecnica avanzata in cui gli sci ricevono dalle ginocchia un movimento verso l’alto durante lo swing invece che aderire al terreno. Questo porta con sé un vantaggio decisivo: il carving permette di non perdere velocità in curva.

    Anche se gli sciatori più esperti hanno già imparato la tecnica del carving, ci sono numerosi esercizi che aumentano il divertimento del carving, riducono notevolmente il rischio di lesioni e migliorano il successo a tutto tondo delle curve.

    I migliori esercizi per il Carving

    Il carving richiede molta forza muscolare, perché la superficie nevosa è spesso molto dura e la resistenza è elevata. La tensione corporea è particolarmente alta durante il carving per evitare di perdere il controllo. Per prepararsi in anticipo alle sfide di questo stile di discesa, si consiglia un esercizio vario per tutto l’anno, che mira ad aumentare la tenuta in curva e a rafforzare la coordinazione e l’equilibrio.

    L’allenamento di forza può essere facilmente integrato nell’allenamento in palestra se non ne fa già parte. Qui potete allenarvi individualmente e secondo le vostre preferenze. Negli esercizi l’attenzione dovrebbe naturalmente concentrarsi sull’apparato delle gambe. Per il coordinamento e l’equilibrio sono particolarmente efficaci gli esercizi di ginnastica presciistica.

    Per avere una migliore sensazione dei bordi degli sci, è possibile caricare alternativamente lo sci esterno e quello interno durante le curve lunghe. Per aumentare ulteriormente la difficoltà dell’esercizio, la curva può essere iniziata con lo sci interno. Questo aiuta a mantenere il controllo durante lo swing, in quanto, quando il bordo dello sci interno entra in scia, fa evitare inutili movimenti di svolta.

    Ingrid Salvenmoser alla gara di carving.
    La sciatrice Ingrid Salvenmoser alla gara di carving, la tecnica di gara dei professionisti

    Serpentina: come mantenere il sangue freddo sui pendii ripidi

    Rispetto alle curve lunghe durante il carving, la curva corta consente un adattamento flessibile del raggio di curvatura alle condizioni della pista da sci. In questo modo gli sci possono essere controllati in modo flessibile e la velocità può essere facilmente ridotta o mantenuta. In breve, la virata più corta consente movimenti particolarmente dinamici. La serpentina su pendii ripidi o in passaggi stretti e piste di collegamento è in ogni caso la tecnica migliore e quella che comporta meno rischi.

    Ma come si può padroneggiare esattamente la serpentina? La breve oscillazione è composta da tre fasi: inizio della curva, centro della curva e uscita della curva. Inizialmente, il baricentro dovrebbe essere leggermente sopra gli sci, premendo lo stinco contro la lingua dello scarpone da sci. Questa posizione di base rende più facile girare gli sci. Poco prima della serpentina, le gambe sono allungate.

    Nella prima fase del raggio corto della curva, le dita dei piedi iniziano a creare pressione. La punta dello sci afferra la neve e si avvia il movimento di svolta. Al centro della curva le gambe sono piegate e la posizione della suola completa, cioè al centro della curva la pressione dovrebbe essere costruita per girare gli sci. Alla fine del breve giro, la pressione viene applicata alla fine dello sci.

    Particolarmente importante per i raggi di curvatura stretti e le curve pulite è il carico sullo sci che si trova più vicino alla valle. Le curve brevi richiedono molta forza e concentrazione da parte dello sciatore, ma la velocità e il raggio della curva possono essere regolati in modo flessibile. Oltre alla tecnica vera e propria, il giusto ritmo è essenziale quando si guidano brevi curve. Al fine di trovare il ritmo perfetto le racchette possono servire come aiuto. Le racchette danno il ritmo; in questo modo l’azione della racchetta fa iniziare la curva.

    I migliori esercizi per effettuare una serpentina

    Le condizioni migliori per una tecnica di serpentina pulita sono generalmente una buona resistenza, un corretto allenamento di forza e la ginnastica presciistica. Tuttavia, se si desidera praticare o perfezionare la serpentina, ci sono numerosi esercizi pratici per voi.

    Taglio a mezzaluna: Questo esercizio viene eseguito su terreno pianeggiante. Gli sci sono tenuti in posizione di leggero spazzaneve mentre tutto il peso corporeo viene trasferito allo sci interno rispetto alla curva. La particolarità di questo esercizio è che il movimento della curva non viene avviato attivamente. Lo sciatore si avvicina solo sul bordo. Le forze di autogoverno degli sci spingono lo sciatore in curva. Una volta arrivati a questo punto è il momento di caricare lo sci esterno. Se l’esercizio viene eseguito correttamente, potrete notare tracce a forma di mezzaluna nella neve.

    Esercizio gigante nano: per esercitarsi nel rilievo alto/basso, cioè allungarsi e piegarsi davanti e in curva, le braccia vengono sollevate appena prima della curva, dove il corpo viene allungato. Nella curva, tuttavia, le mani sono posizionate sulle ginocchia, azione che abbassa nuovamente il baricentro del corpo.

    Esercizio di ritmo: Il senso del ritmo può essere migliorato durante il seguente esercizio di coppia. Con questo metodo di formazione, il cambio di curva viene annunciato da un partner che si ritira ulteriormente. Al segnale di partenza del partner viene utilizzato il bastone e si esegue la serpentina.

    Consiglio CheckYeti: Il modo più semplice e veloce per imparare le curve brevi è affidarsi a un maestro di sci. Con la sua consulenza professionale fornisce istruzioni sul posto e supervisiona attivamente il processo di apprendimento. Questo rende il processo di apprendimento molto più veloce ed efficace.

    Neve profonda:sensazione di neve fresca e soffice

    Lo sci fuoripista permette di esplorare terreni completamente nuovi. Chiunque abbia mai corso nella neve alta conosce questa sensazione di libertà, la sensazione di scivolare su un batuffolo di cotone. Ogni sciatore esperto dovrebbe avere questa esperienza ineguagliabile almeno una volta.

Uno sciatore si diverte nella neve fresca.
Il freeride promette divertimento e avventura
  • Chi finora ha evitato di avventurarsi fuoripista nella neve profonda, diventerà un gran fan di questa attività grazie ai seguenti consigli, trucchi ed esercizi. Anche se la neve alta fino all’anca limita il campo visivo, rappresenta una maggiore resistenza che può essere estremamente vantaggiosa quando si scia, poiché il controllo della velocità è più facile grazie al naturale effetto frenante della neve. Gli sci da neve profonda sono inoltre particolarmente morbidi, larghi e lunghi offrono una buona galleggiabilità, permettendo di scivolare leggeri come una piuma sulla neve senza affondare.La sicurezza è la priorità assoluta quando si tratta di sci sulla neve profonda. Proprio come sulle piste battute, ci sono regole di base che ogni appassionato di sport invernali dovrebbe osservare lontano dalle piste protette.Lo sci sulla neve profonda richiede anche una tecnica speciale. Durante il freeride, gli sci dovrebbero essere guidati leggermente più stretti del solito, in quanto questo migliora la portanza. Rispetto alla posizione degli sci, la posizione del corpo è la stessa dello sci normale. Tuttavia, lo sci che si trova in direzione della valle, ha un ruolo speciale da svolgere: lo sci rivolto verso valle è allo stesso tempo lo sci guida che stabilisce la direzione e quello che controlla l’oscillazione.

    I migliori esercizi per sciare in neve profonda

    Poiché la resistenza alle curve è maggiore sulla neve fresca e soffice, è consigliabile esercitarsi prima su un pendio di neve fresca e piatta. Mentre si guida dritto, le ginocchia sono leggermente piegate o allungate alternativamente. Questo fa apparire e scomparire gli sci, il che insegna allo sciatore a valutare il sottosuolo. Inoltre, questo è lo stesso movimento che si esegue in curva nella neve profonda.

    Nella seconda fase vengono aggiunti lievi cambiamenti di direzione a sinistra o a destra. Nel fare ciò, è necessario fare attenzione a eseguirli il più ritmicamente possibile e a evitare una riserva. Questi esercizi ti danno la sensazione della neve profonda e della dinamica di movimento degli sci e ti preparano a discese più ripide nella neve profonda.

    Pista a gobbe: la disciplina suprema dello sci

    Chi non conosce quei fastidiosi accumuli di neve che rendono difficile la discesa. Lo sci a gobbe non per niente è chiamato la disciplina suprema dello sci alpino. Purtroppo, le gobbe su piste molto frequentate si sviluppano da sole, il che le rende un compagno costante per ogni sciatore. Affrontarle richiede coraggio, forza muscolare e la giusta tecnica dato che superano i 30 cm.

    Nella posizione di partenza per affrontare le moguls, ci si trova con le articolazioni dell’anca, del ginocchio e della caviglia leggermente flesse per attutire l’impatto nel modo più delicato possibile. Il centro di gravità del corpo è leggermente al di sopra degli sci, che sono più stretti del normale in questa disciplina.

    Rispetto allo sci “normale”, il cambio di curva sulla pista a gobbe è esattamente l’opposto: la curva inizia già durante la flessione del ginocchio, le gambe vengono poi allungate durante il controllo della curva nella discesa dalle onde. Gli sciatori a gobbe non addestrati dovrebbero iniziare dalla cima delle gobbe, in quanto questo permette loro di partire alla velocità più bassa possibile.

    I migliori esercizi per affrontare una pista a gobbe

    In linea di principio, l’allenamento, che può essere facilmente completato in palestra, è una buona base per padroneggiare una pista a gobbe. Una volta in pista, si dovrebbe sempre iniziare scegliendo una pista che corre in diagonale rispetto al pendio, dato che la velocità in questo caso non sarà eccessiva. La tecnica di curve corte (vedi sopra le serpentine: Come mantenere la testa fresca sui pendii ripidi) dovrebbe inoltre già essere ben consolidata, in quanto questo è un prerequisito per lo sci a gobbe. Le serpentine sono essenziali in questa sottodisciplina perché consentono di governare in modo controllato sul pendio disseminato di collinette.

    In generale si raccomanda di praticare la tecnica di guida a gobba prima di tutto su terreni ondulati. Chiunque si senta ancora insicuro in curva sulla gobba può praticare la propria tecnica su una gobba ai margini del pendio. Prima si sale fino alla cima dell’onda, una volta lì le gambe sono piegate e le punte degli sci sono girate in discesa, così si scivola nella parte di valle delle collinette.

    Una volta in sicurezza sugli sci, l’allenamento può essere ulteriormente aumentato combinando i due stili o addirittura saltando le gobbe.

    Pista nera: consigli e trucchi per piste ghiacciate

    I pendii neri sono considerati i più difficili. Evitati da alcuni, sono amati da tutti quelli che cercano nello sci uno sport adrenalinico. Ma come possono gli sciatori più esperti padroneggiare le piste nere ghiacciate e arrivare di nuovo a valle in tutta sicurezza? La formula magica sta nello sciare sul bordo degli sci: il punto cruciale della questione sta nel controllo della velocità, che è generato da un alto angolo di risalita.

    Le ginocchia si inclinano in direzione della pista quando lo sci è sollevato, per cui lo sci che è rivolto verso la valle dovrebbe essere sottoposto a carichi particolarmente elevati. Questo si ottiene quando la parte superiore del corpo è piegata sopra allo sci che sta verso valle. Questa tecnica previene il fastidioso scivolamento su lastre di ghiaccio.

    I migliori esercizi per le piste nere

    Se volete esercitarvi a usare il bordo degli sci, potete mettere le mani sulle ginocchia e premerle a terra. Grazie all’aumento della pressione, sciare sul bordo è più facile. Se riuscite a sciare sui bordi in maniera corretta, amici, compagni o maestri di sci che sono più in basso rispetto a voi potranno vedere molta “suola” dei vostri sci.

È possibile padroneggiare qualsiasi pista nera se si scia di lato.
Ingrid Salvenmoser mentre scia sui bordi degli sci, caricando il peso sullo sci rivolto a valle e inclinando le ginocchia in direzione del pendio
  • Per poter controllare la velocità nel modo più semplice possibile, si raccomanda di partire lentamente e di allontanare le curve dalla linea di caduta. Questo produce un maggiore effetto frenante e previene così inutili accelerazioni. Si consiglia inoltre di guidare gli sci a una distanza leggermente più ampia per aumentare la propria area di appoggio e quindi la stabilità e l’equilibrio allo stesso tempo. Questa posizione di sci più ampia ha anche un effetto di sostegno quando lo sci è piegato verso l’alto, poiché è più facile inclinare il ginocchio in direzione della pista grazie alla maggiore distanza tra le gambe. In linea di principio, tutti gli esercizi dovrebbero svolgersi su piste più piatte, poiché il rischio di lesioni è molto più basso.

 

  • Elisa di CheckYeti

    Nata in Alto Adige, non posso che essere un’appassionata di montagne e, più in generale, di natura. Che ci siano 30 gradi o che ce ne siano -10, il mio motto è “trovare sempre nuove sfide e nuove emozioni all’aria aperta”.